Barbie… I CAN BE…

Chi di voi ragazze non ha giocato con la Barbie da bambina?

 

Ricordo con tenerezza le mie prime Barbie, che mi passò la cugina più grande e anche tutte le altre che mi furono regalate: Barbie Fotomodella, Barbie Superchioma, Barbie Dottoressa…per non parlare degli infiniti accessori che riempivano la mia cameretta: la Ferrari di Barbie, il motorino di Barbie, la cucina di Barbie, la piscina di Barbie, e soprattutto la mitica Casa di Barbie con l'ascensore!!

Quanti pomeriggi passati a giocare, in compagnia oppure da sola, immaginando di volta in volta un mondo diverso…

Posseggo ancora tutte le mie Barbie e i relativi vestitini e accessori e li conservo gelosamente e se avrò una bambina sono sicura che ci giocheremo insieme!

Con le nostre Barbie siamo state spose, dottoresse, veterinarie, manager, modelle…ci siamo innamorate di Ken e avuto una sorellina deliziosa come Skipper, attraverso il gioco abbiamo immaginato il nostro futuro e sognato ad occhi aperti…

Questi, i  sognisemplici di ogni bambina che si affaccia al mondo e cerca di immaginare il suo futuro, sogni positivi, magari un po’ ingenui, ma che con Barbie, nella sua cameretta può immaginare di realizzare.

“I sogni mi fanno sentire viva”

E’ soprattutto questa la frase che cela l’essenza del messaggio che Barbie vuole ribadire: imparare a sognare e ad aspirare a modelli di riferimento positivi, anche se spesso significa impegno e sacrificio, perchè sognare è ciò che permette di cambiare, di migliorare e di sentirsi vivi.

È da più di cinquant’anni che attraverso il gioco con Barbie le bambine hanno espresso la loro volontà di poter essere qualcuno e sono poi cresciute e divenute ciò che hanno sempre sognato da piccole…

Io, seduta nella mia cameretta agghindavo la mia Barbie preferita al momento e sognavo una grande storia d'amore…

Ora che sono grande e innamorata ripenso a quei momenti e so che mi hanno aiutato a crescere

E voi, cosa sognavate giocando con Barbie?

Barbie

I can be

sogni

crescere

 

Articolo sponsorizzato

Condividi su Wikio